Cloud recruiting per il responsabile HR immerso nei dati

SAP

,

Human Capital Management

,

Blog

Cloud recruiting per il responsabile HR immerso nei dati

Federica Gentile | Feb 24, 2017

Questo è il secondo dei quattro articoli della nostra serie sulle soluzioni per la gestione del capitale umano, incentrato sul nuovo ruolo che i dati e la tecnologia cloud per le Risorse Umane rivestono per il reparto HR e su come possano prepararlo al futuro del mondo del lavoro.

Recruiting nel Cloud per il Manager HR affamato di dati 

Nel post precedente avevo analizzato il contributo della tecnologia cloud per le Risorse Umane nel preparare le aziende al futuro del mondo del lavoro, un futuro che premia la cultura aziendale, la collaborazione e l'innovazione. In questo articolo, tratterò il ruolo della tecnologia cloud per la selezione del personale.

I responsabili delle Risorse Umane sanno già che poter contare su dipendenti efficienti e attirare nuovi talenti è fondamentale per la crescita dell'organizzazione e per la sua capacità di distinguersi dalla concorrenza, ma sono anche consapevoli che assumere e mantenere all'interno dell'azienda i lavoratori migliori è più facile a dirsi che a farsi.

Cominciamo dalle basi: cos'è il cloud recruiting?

Il cloud recruiting non è altro che l'uso di un'applicazione basata nel cloud per facilitare le operazioni di assunzione. Consente al personale del reparto HR di collegare le varie piattaforme di selezione a un'unica applicazione, in modo da attingere a una sola sorgente di futuri talenti. Come altre applicazioni cloud, è disponibile su più dispositivi e ti permette quindi di seguire le procedure di assunzione a prescindere da dove ti trovi. L'unica cosa che serve, infatti, è una connessione a internet.

Come puoi sfruttare il cloud per le assunzioni?

Come accade per qualsiasi altro sforzo aziendale, anche per garantire il successo delle iniziative delle Risorse Umane è necessario gettare basi solide. Per formare una forza lavoro entusiasta e carismatica non basta scegliere le persone giuste, ma bisogna anche creare l'ambiente ottimale in cui queste possano dare il meglio di sé.

Grazie a funzionalità quali database consultabili di candidati e dipendenti, le tecnologie cloud per l'HR come SAP® SuccessFactors permettono ai responsabili delle Risorse Umane di scovare i talenti migliori sul mercato e all'interno dell'organizzazione, in modo più rapido ed efficace.

Per comprendere come funziona questa soluzione, analizziamo prima uno scenario di assunzione tipico:

Veronica, responsabile HR, lavora per un grande rivenditore di moda. Dopo aver parlato con il suo business partner, si appresta a cercare un responsabile del marketing con oltre 3 anni di esperienza in questo ambito e nel settore della vendita al dettaglio o della moda, con almeno 2 anni di pratica nella pianificazione delle spese (comprese le previsioni e la gestione del conto profitti e perdite) e, preferibilmente, che abbia già gestito team aziendali. Il candidato ideale ha una laurea in Economia, Marketing o Economia aziendale.

Veronica accede alle sue piattaforme preferite, tra cui Monster, LinkedIn, Glassdor, InfoJobs e Indeed per pubblicare la nuova offerta di lavoro.

Una volta finito, inizia a ricevere le risposte e i feedback da ogni piattaforma. La sua casella di posta si riempie di un numero esorbitante di candidature. Non disponendo di una tecnologia cloud per la selezione del personale, Veronica deve esaminare i candidati accedendo a ogni piattaforma. E anche nel caso in cui l'azienda possieda uno strumento integrato per l'analisi delle candidature, la procedura è in gran parte manuale.

A seguito del processo di selezione dei candidati, Veronica ha in mano circa cinque soggetti da sottoporre al proprio business partner. Non ricorda da quale piattaforma provengano e anche usando Excel per tenere traccia dei relativi dati, fa fatica a garantirne l'accuratezza, data la grande mole di candidature che esamina ogni giorno.

Il processo di selezione di un soggetto con esperienza richiede mesi. Veronica lavora per gestire disponibilità e rifiuti, nonché per continuare a esaminare le candidature che si aggiungono durante l'intero processo. Finalmente, circa due mesi e mezzo dopo la pubblicazione dell'offerta, Veronica e il suo business partner arrivano a una scelta definitiva.

Come diversi altri responsabili HR, Veronica usa un mix di piattaforme tecnologiche ed Excel per gestire le sue attività. Dedica una notevole quantità di ore al processo di selezione e sebbene alla fine riesca a trovare il candidato giusto, il tempo trascorso tra la pubblicazione dell'offerta e la scelta definitiva del nuovo talento è molto lungo, e mentre lei si affretta a riempire il posto vacante, questo ritardo ha effetti notevoli sull'organizzazione. Quindi, in che modo il cloud recruiting può facilitarle la vita?

Ricerca dei talenti intelligente

Nel mondo delle assunzioni digitali è quasi impossibile gestire la mole di annunci e comunicazioni di lavoro necessaria a creare una base di lavoratori efficienti usando solo Excel o singole piattaforme di annunci.

Infatti, l'International Association of Employment Web Sites registra oltre 40.000 siti di annunci di lavoro su internet. In media le aziende spendono in pubblicità circa 172 dollari l'ora per ogni nuova assunzione e il tempo medio di permanenza sul sito di un'offerta di lavoro è di 27,3 giorni. Confrontare costi e benefici per centinaia di questi siti è un compito pressoché impossibile e riuscire a mantenere un registro aggiornato delle comunicazioni con questi candidati è ancora più improbabile.

Tuttavia, sfruttando le tecnologie cloud per l'HR, l'intero processo di assunzione può essere decisamente ottimizzato, sia in termini di efficienza che di efficacia.

Ma torniamo un attimo all'esempio di Veronica: sfruttando la soluzione cloud SAP® SuccessFactors per le operazioni di assunzione, può finalmente raggruppare tutti i candidati in un unico database, suddividendoli in base alla piattaforma di provenienza. Ora può impostare i criteri per la procedura di selezione usando funzionalità applicative integrate, filtrando i candidati in base a competenze, anni di esperienza e settore.
Capire qual è la fonte più ricca di candidati validi o qualificati aiuta Veronica a individuare la piattaforma a cui destinare il budget dell'anno successivo.

C'è altro? Sì, perché con un'applicazione HR in cloud è più facile monitorare i KPI per le assunzioni e utilizzarli per prendere decisioni. Ecco alcuni dei KPI che il cloud recruiting rende più facili da monitorare:

Tempistiche di assunzione
Monitorando l'intervallo che intercorre tra la pubblicazione di un'offerta e la scelta del candidato giusto, i responsabili delle Risorse Umane possono capire quanto tempo ci vuole per riempire posizioni vacanti di rilievo e prepararsi agli obiettivi di assunzione annuali. Nonostante la tempistica di assunzione sia una metrica importante, il vero vantaggio si ottiene quando i responsabili HR possono analizzare nel dettaglio i dati in base a ruolo e dipartimento, in modo da poter elaborare una strategia per il processo di selezione
valida per tutta l'azienda.

Costo di ogni assunzione e delle piattaforme
Integrando le varie piattaforme e i relativi costi in un unico database, i responsabili HR possono contare sulla visibilità della spesa totale per ogni ciclo di assunzione e individuare quale piattaforma garantisce le prestazioni migliori in base a tipologie di lavoro specifiche. Queste informazioni consentono ai responsabili HR di determinare la spesa annuale suddivisa tra le varie piattaforme con maggiore sicurezza e di adottare
misure di selezione più efficaci e mirate.

Abbreviare il ciclo di assunzione coinvolgendo i candidati

La lotta per i talenti migliori (soprattutto per quelli con le competenze più apprezzate) è agguerritissima. Chi cerca lavoro, al giorno d'oggi, è a tutti gli effetti un cliente. Vuole essere coinvolto subito e ottenere gratificazioni immediate; in caso contrario, veleggerà verso lidi più interessanti. Le aziende con cicli di assunzione troppo lunghi rischiano di perdere candidati altamente qualificati a causa dei tempi di risposta biblici alle candidature.

Rivediamo ancora l'esempio di Veronica. Grazie alla tecnologia cloud, Veronica sfrutta un unico database per raccogliere tutti i candidati, potendo così accedere più rapidamente ai soggetti qualificati che corrispondono ai suoi criteri di selezione. Ciò implica che se i primi cinque candidati non la soddisfano, può individuare rapidamente nuovi soggetti adatti alla posizione offerta, riducendo così il tempo dedicato al ciclo di assunzione.

Questa contrazione delle tempistiche per la selezione del personale aiuta Veronica a garantire che i talenti migliori non vengano lasciati per troppo tempo in attesa della risposta o del primo contatto con l'azienda.

Inoltre, il software cloud le permette di elaborare previsioni corrette con il suo business partner comunicando i tempi di ciclo medi per assegnare posizioni nuove e importanti ai candidati giusti.

Sfruttando la tecnologia cloud, i reparti HR, i recruiter e i responsabili delle assunzioni hanno la possibilità di gettare le basi della propria forza lavoro in maniera semplice e con il sostegno dei dati.

Nonostante questo sia solo un assaggio del potere della selezione nel cloud, i suoi vantaggi sono così evidenti che è impossibile ignorarli. Il cloud recruiting garantisce la tranquillità necessaria a ogni dipartimento delle Risorse Umane per gestire le complesse procedure di assunzione, ma anche per prendere decisioni più strategiche durante l'intero processo.

Grazie all'implementazione di statistiche e sistemi intelligenti, è possibile reinventare l'assunzione dei talenti. Ogni ingranaggio della macchina per la selezione assume un valore strategico maggiore, garantendo alle aziende la possibilità di assumere talenti validi in modo più redditizio e conveniente.

Prossimo Articolo: Distinguiti dalla competizione 

  

Iscriviti!