Cos’è il PIM e quali vantaggi può portare alla mia azienda?

eCommerce

,

Customer Experience

,

CRM

Cos’è il PIM e quali vantaggi può portare alla mia azienda?

Davide Evangelisti | apr 20, 2020

Il concetto di Product Information Management (PIM) è sempre più popolare nelle discussioni come nelle analisi relative a e-commerce, strategie di vendita dei prodotti, marketing digitale e presenza omnicanale.

Uno dei maggiori problemi che gli esperti di marketing si trovano ad affrontare in qualsiasi attività incentrata sul prodotto è l’insormontabile quantità di dati con cui devono fare i conti. Queste informazioni devono essere trasmesse in più versioni a diversi canali di vendita, distributori, rivenditori, team e via dicendo. Ed è qui che il PIM entra in gioco.

 

Cos'è il PIM?

PIM sta per Product Information Management (gestione delle informazioni di prodotto) ed è comunemente indicato come il software che gestisce tutti i dati relativi ai prodotti, dai cataloghi a dimensioni, pesi, descrizioni, recensioni, certificazioni e simili, tra organizzazioni, filiere di produzione, canali e clienti diversi.

A livello elementare, un PIM consente di raccogliere, gestire e integrare le informazioni relative ai prodotti, creare cataloghi e distribuire le informazioni su diversi canali da un unico luogo.

Tuttavia, è importante tenere presente che un sistema PIM non gestisce tutte le informazioni sui prodotti e non tutte le informazioni vengono trasferite nel sistema PIM a seconda delle esigenze. In questo caso, i dati mancanti andranno recuperati da altre fonti. Il principio fondamentale del PIM è che il sistema contiene tutte le informazioni relative a marketing e vendita, niente di più.

PIM schema

 

Che tipo di dati si possono trovare in un PIM?

In un PIM possono essere immagazzinate diverse tipologie di dati, inclusi:

  • Dati tecnici: specifiche del prodotto come dimensioni, colore, peso, materiali e ingredienti.
  • Dati d'uso: descrizioni dei prodotti con suggerimenti su quando e come usarli, corredati di esempi pratici.
  • Dati emotivi: descrizioni dettagliate, storie e immagini che aiutano a instaurare legami emotivi tra prodotti e acquirenti.
  • File multimediali: immagini, PDF, video.

 

Quali sono i vantaggi di un PIM?

Un PIM comporta diversi vantaggi, poiché si tratta di un software che valuta, memorizza, gestisce e aiuta a distribuire i prodotti: cosa si può volere di più?

Questi sono i tre vantaggi principali che un PIM portarà alla tua azienda:

1. Aumento dell’efficienza e della produttività

Il PIM agisce come un hub centralizzato in grado di fornire ai team una soluzione unica per trovare tutte le informazioni rilevanti relative a un determinato prodotto, senza perdite di tempo o confusioni nel cercare di individuare, scremare o mettere insieme i dati di cui si ha bisogno. Il tempo che avresti perso in queste attività può essere meglio speso per la presentazione di nuovi prodotti e l’ampliamento del catalogo.

2. Miglioramento della qualità del contenuto dei prodotti

L’utilizzo di un PIM aumenta la probabilità che i prodotti ottengano l’attenzione che meritano grazie a una maggiore quantità di informazioni. I clienti si aspettano di leggere descrizioni dettagliate e accurate dei prodotti, magari accompagnate da immagini o video. Se non riescono a trovare quello che cercano o a ottenere quello che vogliono, si rivolgono ad un altro rivenditore o cadono in confusione (cosa che porta a resi, ecc.).

3. ROI accelerato grazie all’aumento dell’efficienza e al risparmio sui costi

Avere un PIM moderno e ben progettato può incrementare significativamente le vendite. Molte aziende che utilizzano sistemi PIM segnalano un aumento dei tassi di conversione e una diminuzione dei resi dei prodotti.

Un PIM è relativamente più veloce e meno costoso da implementare, con vantaggi commerciali facilmente misurabili. Le cifre derivanti dal miglioramento dei tassi di conversione delle vendite e dalla diminuzione dei resi dei prodotti in genere consentono periodi di recupero del capitale investito inferiori a un anno o persino più brevi, se si tiene conto dell’elevata agilità e scalabilità del team di marketing.

 

E i tanti acronimi che si trovano in giro?

  • PDM (Product Data Management o gestione dei dati di prodotto) - Un PDM viene utilizzato per condividere i dati di prodotto all’interno di un’azienda, soprattutto tra ingegneri e progettisti.
  • PCM (Product Content Management o gestione dei contenuti di prodotto) - PCM e PIM sono termini correlati, ma in genere PCM fa riferimento a un componente aggiuntivo su una piattaforma di e-commerce, pensato per arricchire rapidamente tassonomie e prodotti.
  • MDM (Master Data Management o gestione dei dati master) - MDM indica un archivio interno universale per i dati di un’intera azienda (di solito a livello enterprise). Se il PIM viene usato per commercializzare i prodotti, l’MDM è un sistema più ampio, che può contenere informazioni su dipendenti, macchinari, processi e, naturalmente, prodotti. Naturalmente, costa anche molto di più.

 

Migliora la gestione delle informazioni di prodotto

Scopri come possiamo aiutarti a ottimizzare la tua presenza omincanale e migliorare la gestione dei prodotti: guarda le nostre soluzioni e servizi eCommerce e contattaci per saperne di più!

Scopri di più

Iscriviti!